LOVE SUPREME. STORIA DEL CAPOLAVORO

35.00

Autore: KAHN ASHLEY
Editore: IL SAGGIATORE
Collana: LA CULTURA
ISBN: 9788842824213
Pubblicazione: 28/03/2019

Disponibile su ordinazione

COD: 9788842824213 Categoria:

Descrizione

John Coltrane siede sullo sgabello di un pianoforte a coda e aspira il fumo di una pipa bianca. È il 10 dicembre 1964, e lo studio del tecnico del suono Rudy Van Gelder, a Englewood Cliffs, nel New Jersey, è immerso in un’atmosfera religiosamente soffusa, silenziosa, anestetica. Le volute prodotte da Coltrane si addensano in un’aria adamantina: quella stanza è il tempio in cui è appena accaduto qualcosa di prodigioso, e il sacerdote giace esausto nell’angolo, prende fiato e medita. Nei timpani risuonano ancora gli accordi di McCoy Tyner, i colpi sulla cassa di Elvin Jones, le linee di basso di Jimmy Garrison. Gli assoli di Trane che fino a poche ore prima avvolgevano gli altri in un gorgo vorticoso e sfrenato. Fu quella, la notte: l’America nera esplodeva nell’America bianca. John Coltrane esplodeva nell’America e dava vita e fiato all’album che cambiò per sempre il modo di fare jazz: ‘A Love Supreme’. Etereo e sovversivo, realizzato nell’arco di una sola, trascinante session, ‘A Love Supreme’ è il testamento di un’intera epoca, della quale Coltrane ha saputo interpretare tutte le tonalità emotive e sonore: la poliritmia africana propulsiva e catartica, i tempi dilatati del jazz modale, la litania meditabonda del folk orientale, le vampe del free jazz, il calore intimo del blues e la redenzione orgasmica del gospel. Il risultato è un magma incandescente e liturgico, in chiave minore, vertiginosamente preciso, sincronizzato, ma sempre sull’orlo dell’improvvisazione, dell’ignoto. È il jazz spirituale di Coltrane, il suo grido assoluto, una preghiera purissima di amore supremo verso Dio che ha stravolto con la musica le regole e i sentimenti delle generazioni successive, caricandoli di un’inaudita religiosità. Il Saggiatore torna a pubblicare la grande storia di ‘A Love Supreme’ raccontata da Ashley Kahn, arricchita da un testo inedito – scritto appositamente per questa edizione – e accompagnata dagli schizzi di Coltrane con i primi abbozzi del suo capolavoro. Kahn rievoca le vicende che hanno portato alla realizzazione del disco, in un’opera densa di interviste ai protagonisti, testimonianze di produttori, amici e colleghi, memorie intime e immagini che compongono la scenografia di un viaggio mitico nella vita dell’immortale sassofonista.